Marsala Turismo - Portale turistico della Città di Marsala | Parole, immagini e atmosfere di una città senza tempo
Marsala Turismo - Portale turistico della Città di Marsala | Parole, immagini e atmosfere di una città senza tempo
sabato, 16 dicembre 2017 23:36:30
Utenti collegati: 152

Mozia: il tofet o tophet

Mozia
14/10/2012
27473
Marsala Turismo
Il tofet (o tophet) è il tipico santuario fenicio-punico a cielo aperto consistente in un'area consacrata dove venivano deposti e sepolti ritualmente i resti combusti dei sacrifici e dalle sepolture infantili. Quello di Mozia si trova sulla costa nord occidentale dell’isola, risale probabilmente alle origini dell’insediamento, VIII-VII sec. a.C., e restò in funzione da allora sino alla distruzione dell’isola nel 397 a.C.

Mozia, il Santuario del TofetIn una prima fase, il santuario occupava una un’area ristretta. Le urne, costituite da ceramica a impasto di produzione locale, venivano deposte sulla roccia a volte ricoperte da tumuli di pietre che raramente presentano una pietra ritta sulla sommità. Successivamente le deposizioni si infittirono e iniziarono a essere spesso racchiuse da lastre infisse nel terreno e segnalate da cippi o stele.

In un secondo momento, dalla metà del VI sec. a.C., il santuario fu esteso verso est per le deposizioni e verso ovest con la costruzione di un piccolo tempio rettangolare di 10 mt per 5, munito di un piccolo podio, forse un altare. Vi sono stele e cippi di grande dimensioni con iscrizioni e raffigurazioni simboliche.

Le indagini in questa importante area sono riprese negli ultimi anni a cura e per iniziativa dell’Università La Sapienza di Roma. L’archeologia del santuario, con le sue steli in pietra, le sue iscrizioni riguardanti nomi e origini genealogiche degli abitanti, i suoi vasi in terracotta, può essere considerata la più ampia fonte d’informazioni e di notizie della città e dell’arte tecnica della scultura e del disegno, delle iconografie divine, degli elementi di costume e dell’artigianato.

Tags